Visualizza un messaggio singolo
  #1  
Vecchio 01-09-2009, 05:15 PM
L'avatar di Robotadmin
Robotadmin Robotadmin non è collegato
Roboter Administrator
 
Registrato dal: Mar 2006
residenza: Italy
Messaggi: 1,662
Blog Entries: 18
predefinito [BEAM] - Mini Sumo Beam 3/3

Assemblaggio finale

Possiamo riprendere la meccanica ed il blocchetto dei rele’ per assemblarli ed effettuare le connessioni. A questo punto potete seguire l’esempio della foto 38 oppure fare delle modifiche per meglio adattare i vari componenti e cablaggi alle vostre necessita’. Prima di connettere i motori, attivate l’alimentazione e provateli per vedere se girano nel verso giusto: il Robot deve camminare in avanti, in caso contrario invertite le connessioni dei motori. Una volta accertato che tutto funzioni a dovere potete fissare il blocchetto con del biadesivo a bordo del Robot avendo cura di metterlo bene dentro per evitare di avere sporgenze all’esterno che potrebbero eccedere i 10cm regolamentari.
Come potete notare dalla foto, ho praticato un foro da 5mm sul telaio superiore per fare uscire il cablaggio dell’alimentazione e del comando motori.




FIGURA 38: Installazione del blocchetto dei rele’ e cablaggio.

E’ arrivato il passo conclusivo: l’installazione della Main-board e le connessioni finali. Utilizzando due pezzetti di biadesivo fissare la Main-board sul telaio superiore del Robot avendo cura di posizionarlo il piu’ arretrato possibile per poter lasciare spazio davanti ad eventuali futuri sensori.




FIGURA 39: Installazione della Main-board e connessione finale, il SumoBeamBot e’ vivo!

Test e regolazioni

Se avete seguito attentamente le istruzioni e gli schemi, accendendo il Robot, esso dovrebbe partire in avanti, probabilmente noterete che scattera’ all’indietro come se avesse trovato il bordo bianco del Ring, questo e’ dovuto al fatto che i sensori sono molto sensibili ed il Robot deve essere messo su una superficie nera opaca. Potete facilmente realizzare un micro Ring di prova stampando con una stampante laser o ink-jet un quadrato o un cerchio nero su un foglio. Posizionando il Robot al centro, esso andra’ verso il bordo per tornare immediatamente indietro appena trovato il bianco dei margini del foglio.
In linea di massima non ci sono particolari tarature da eseguire, potete agire sui trimmer per variare leggermente le fasi di indietreggiamento e rotazione, potete anche cambiare i valori dei condensatori e/o aggiungere dei LED in parallelo. Sono tutti interventi facilmente eseguibili grazie alla possibilita’ di non effettuare saldature. Consiglio: se notate che il Robot ha un comportamento strano quando trova il bordo, ovvero non riesce ad uscirne, probabilmente dovrete invertire i sensori anteriori.

Conclusioni

Il SumoBeamBot e’ finalmente pronto e riesce a stare perfettamente nel Ring, gia’ questo sarebbe sufficiente per ingaggiare i primi combattimenti ma, per poter partecipare a gare ufficiali, manca il circuito di ritardo, il Robot deve stare fermo per 5 secondi dopo il via.
Inoltre il Robot viaggia in lungo ed in largo sul Ring in modo casuale e spesso passa a pochi millimetri dall’avversario senza toccarlo, potrebbero essere utili dei sensori laterali che gli permettano di individuare l’avversario e caricarlo. Gli potrebbe anche fare comodo, una volta in contatto con l’altro Robot, disporre di un’ energia supplementare che ne aumentasse la velocita’ e la potenza, per far perdere aderenza all’avversario e poterlo scagliare fuori dal Ring piu’ facilmente: un circuito di Boost!
Prossimamente presenteremo ulteriori progetti per aggiungere tutte queste funzionalita’ ed anche altre che abbiamo in cantiere e che ci suggerirete anche voi. Non abbiate timore di sperimentare nuove soluzioni, informatevi in Rete e nei newsgroup; posso segnalare beamitaly su yahoo gruppi che tra l’altro ringrazio per avermi dato delle idee per la realizzazione del SumoBeamBot. Costruite un Ring, utilizzando del MDF con delle bombolette spray di nero opaco e bianco lucido, non e’ difficile. Sarete in breve tempo pronti ad ingaggiare delle avvincenti battaglie con i vostri amici e, credetemi, il divertimento e’ garantito!